Storia

Elisha Scott il portiere leggenda di Liverpool e di Belfast

Pin It
Chi è Elisha Scott? Probabilmente a molti questo nome non dice nulla ma pochi portieri nella storia del calcio hanno raggiunto la sua popolarità...

Il nostro Elisha nasce a Belfast in Irlanda del Nord in una famiglia che conterà alla fine 12 figli. Suo fratello Billy fa il calciatore e gioca a Liverpool, nell’Everton. Questa circostanza segnerà la vita di Elisha. Nel 1912 a nemmeno 19 anni infatti su insistenza del fratello Elisha va a Liverpool per un provino. L’Everton però non vuole saperne. A sorpresa, si fa avanti il Liverpool: diventa uno dei reds e i blues se ne pentiranno...

Elisha è un portiere molto continuo che concede poco allo spettacolo, attento è concentrato. All’inizio fa molta panchina ma già nel 1913 debutta e si distingue al punto di spingere il Newcastle a presentare una offerta: sarà rifiutata. Per il momento però non c’è posto come titolare e allora Elisha va al Belfast Celtic, la squadra dei cattolici si Belfast, ispirata ai Celtic scozzesi


Elisha va bene e si guadagna il richiamo a Liverpool. Qui inizia la leggenda. Diventa titolare e lo resterà fino al 1934 con quasi 500 presenze. Elisha ha grande continuità di rendimento e il Liverpool vince due scudetti di fila grazie alle sue parate

I tifosi impazziscono per lui e gli dedicano cori personalizzati: non era mai successo prima. I derby con l’Everton sono sentiti e diventano una sfida nella sfida con Dixie Dean, grande bomber dell’Everton, che in campo le prova tutte ma a fine partita va al pub con Elisha: sono grandi amici

scott2.jpg

DIXIE DEAN E ELISHA SCOTT


Alla fine Elisha deve lasciare e l’ultimo giorno i dirigenti gli chiedono di tenere un discorso ai suoi tifosi adoranti: è un uomo sobrio, i ricordi lo sommergono ed emozionantissimo non riesce a spiccicare una parola!

Qui inizia la seconda parte della sua vita: va al Belfast Celtic stavolta come allenatore e vince scudetti a raffica. I tifosi lo amano e resta protagonista fino al 27 dicembre 1948, una data simbolo nella storia del calcio irlandese

belfastceltic.jpg

IL BELFAST CELTIC

Quel giorno infatti si gioca il derby Linfield-Celtic, protestanti contro cattolici. La partita è maschia è tesa e nel finale la situazione degenera: i tifosi invadono il campo e picchiano i giocatori del Celtic, Jimmy Jones viene letteralmente linciato e solo l’intervento di Sean McCann, portiere del Ballymena ex Belfast Celtic, che si getta con coraggio in difesa dell’amico, evita il peggio

I dirigenti del Belfast Celtic capiscono che la cosa va oltre il calcio e prendono una decisione senza precedenti: la squadra si ritira definitivamente

Per altri dodici anni giocherà amichevoli e tornei ma non giocherà più il campionato e alla fine si scioglierà. Per tutto questo periodo Elisha Scott continuerà ad occuparsi del club e del campo dello stadio, fedele ai colori fino in fondo
Nessun tag trovato.

Sportaffairs è un iniziativa editoriale di
Alexandro Deblis Everet Editore
Via dei Dossi, 3 - Cremona
Direttore Responsabile: Fabio Tumminello
Registrazione al Tribunale di Cremona
N°675/2013 del 26/06/2013
Provider: Serverplan
Partita IVA: 01653460194